Gli orti mobili prendono casa a Città della Scienza

Amici svizzeri e tedeschi
16 June 2016
Back to School… and to the Orto.
16 September 2016

Gli orti mobili prendono casa a Città della Scienza

L’Orto in Campania partecipa attivamente alla nuova esperienza GNAM village e sbarca a Napoli all’interno della suggestiva cornice di Città della Scienza, immersa nel contesto post-industriale di Bagnoli.
Nella struttura museale sono collocati stabilmente gli innovativi orti mobili, presentati lo scorso ottobre in Piazza Plebiscito nell’ambito della XXIX edizione di Futuro Remoto. Gli orti mobili, che conquistarono pochi mesi fa il folto pubblico di Futuro Remoto, sono stati pensati e progettati dal gruppo “nove.architetti”, le stessi menti che nel 2011, ancora studenti della facoltà di architettura della SUN, concepirono lo spazio di Marcianise. Oggi professionisti a pieno titolo, hanno disegnato due ampi orti mobili ispirati alla struttura cellulare ispirandosi alla matrice complessa del diagramma di Voronoi.

Cosa si farà allo GNAM village?
GNAM è l’acronimo di “Gusto e Natura della Dieta Mediterranea” e rappresenta uno spazio completamente inedito per l’area metropolitana partenopea. Una struttura dinamica al cui interno programmare, tutto l’anno, attività didattiche su biodiversità e dieta mediterranea, eventi, incontri di formazione e sostegno all’innovazione, rivolti a giovani studenti e adulti di ogni età. Cibo e cultura alimentare possono essere, inoltre, il veicolo per parlare di altri mondi: dal design all’ arte contemporanea, passando per l’innovazioni nei materiali . Anche questo sarà un tema permanente all’interno del villaggio, costruito in collaborazione con le associazioni di designer ed artisti impegnati nella socialità diffusa, con la partecipazione dei dipartimenti di riferimento delle Università campane e degli istituti di ricerca del CNR.
Uno spazio creato dalla rifunzionalizzazione di un’area di 4mila metri quadrati all’interno di Città della Scienza, aperto alle associazioni presenti sul territorio, a partire da realtà come Slow Food e Legambiente, agli istituti scolastici, alle organizzazioni di volontariato attive localmente, al settore delle imprese agroalimentari e ai piccoli produttori.
A presto con programmi e iniziative!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *