Osservando gli educatori

Spazio alla natura
2 April 2013
Video. Seminario Internazionale
10 April 2013

Osservando gli educatori

Si dice Gli esami non finiscono mai. È vero e positivo. Sicuramente ne L’Orto in Campania, dove gli esami, la discussione e la critica ci piacciono moltissimo.

Con questo spirito, negli ultimi giorni, ci siamo dedicati all’osservazione dei nostri educatori, impegnati nelle attività didattiche con le scuole. Insieme a Cristina Bertazzoni, docente di pedagogia all’Universita di Brescia (un’intervista qui, il suo sito qui), abbiamo osservato, preso appunti, filmato e fotografato gli educatori e poi, finite le lezioni, analizzato minuto per minuto le dinamiche di conduzione adottate durante i laboratori.

Sono stati tre giorni di intenso studio sulle metodologie pedagogiche, le prospettive didattiche, il setting dei laboratori, ecc. Gli educatori de L’Orto in Campania si sono sottoposti di buon grado a queste sessioni di osservazione e, rivendendosi filmati e ascoltando le analisi e i consigli di Cristina, hanno messo a fuoco pregi e cirticità delle loro tecniche.

Tanto per farsi belli con alcune espressioni difficilissime del gergo della ricerca pedagogica, ecco qualche concetto di cui si è parlato:

Comunicazione: Verbale, Non Verbale, Paraverbale, Simbolica

La lezione come “sinfonia educativa” (l’educatore è un compositore: deve gestire un ritmo, una tensione emotiva…);

Calo di investimento libidico, l’ingegneria relazionale del gioco, gli attivatori di coinvolgimento

Il rapporto tra interpischico e intrapsichico (la conoscenza è costruita non è data, solo l’informazione è data).

Ovviamente, il lavoro sulla didattica, sulle strutture architettoniche dell’orto (i setting) e sui materiali didattici (su cui lavorano gli studenti della SUN, qui) va migliorato e sarà sempre perfettibile. Grazie a Cristina per averci “scartavetrato” per bene. A maggio si terrà la seconda sessione per tutti gli educatori ancora indenni.

Cristina, ti aspettiamo, ci troverai prontissimi!

 

Sì dice Non ci sono più le mezze stagioni. È falso e positivo (positivamente falso). La pioggia di questo esordio primaverile, anche se ha reso meste le giornate, ha dato la giusta energia alle piante dell’orto, che, con il sole di questi ultimi giorni, crescono a vista d’occhio.

 

5 Comments

  1. Valeria Cometti ha detto:

    Non avete idea di quanto sia felice di leggere che le cose procedono così bene, le ‘piantine seminate’, germoglino e diano frutti così succosi e propositivi.
    Buon lavoro e avanti tutta!
    Vale

  2. valerio.borgianelli ha detto:

    Grazie Valeria! Il lavoro sta procedendo benissimo, Cristina è sempre al di sopra di ogni aspettativa. Siamo tutti molto entusiasti e le idee non mancano…
    A prestissimo.

  3. Anna Zeppetella Del Sesto ha detto:

    Essere osservati da Cristina Bertazzoni

    Non nego che sapere di svolgere un laboratorio sotto l’occhio vigile e attentissimo di una persona così qualificata come Cristina Bertazzoni, che per lavoro insegna “come insegnare” mi ha creato un po’ di ansia. Alla fine però sono stata ripagata dai suoi commenti che non essendo GIUDIZI avevano il solo fine di migliorarmi.
    Che onore avere avuto una persona così valida che ha lavorato PER ME!
    Le sono molto grata dei suoi suggerimenti e anche felice di aver fatto degli errori: ora ho degli strumenti in più per fare meglio l’educatrice.

    Anna Zeppetella Del Sesto

  4. Valerio Viglianti ha detto:

    Quando Cristina è venuta a presentarsi pensai : “Questa di oggi sarà veramente una bella sfida” (era il mio primo laboratorio). In realtà più che una sfida si è rivelata un’occasione, del tutto eccezionale, che mi veniva offerta: una docente universitaria era lì per noi, anzi, in quel momento era lì per me! Questa riflessione servì da stimolo a dare il meglio, a mostrare quello che sapevo fare. Ovviamente la parte più costruttiva di questa esperienza si è rivelata nella fase posteriore all’osservazione durante il laboratorio, quella “face to face”, in cui Cristina mi ha svelato un mondo in 4 ore! Un’ esperienza che non ha prezzo…

  5. Gianluca Napolitano ha detto:

    Gli esami non finiscono mai ed è un piacere essere esaminati così, un’esperienza molto interessante e stimolante.
    Un ringraziamento a tutti i promotori di “Orto in Campania” ed all’impareggiabile professionalità di Cristina Bertazzoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *